26 novembre 2013

Teatro Nuovo di Milano, 5 dicembre 2013, spettacolo musicale di Edoardo Vianello.

Teatro Nuovo di Milano, 5 dicembre alle 15:30, debutto dello spettacolo musicale di Edoardo Vianello: "Prima che io…smetta".

Una carrellata, con molta musica suonata dal vivo, dei momenti salienti della lunga carriera del cantante che ha fatto ballare diverse generazioni di italiani.
«Sarò abbronzato, peperone, watusso, ma anche un po' sognatore - dichiara Edoardo Vianello - un cantautore felice di mettere in musica le pagine della propria vita di artista: più di 50 anni, fatti di incontri, di chitarre, di note. E di piazze, campanili, trattorie, camere d’albergo; e aerei, automobili, treni, con gli occhi rivolti al finestrino a guardare, innamorato, il mio Paese e la sua gente, da nord a sud, da mare a mare. Scorrerò, così, il mio diario, prima di smettere e mettermi in poltrona, forse…».
La compagnia è formata da un cast di 12 persone, tra musicisti attori e tecnici e si avvale di un modernissimo apparato tecnico e scenografico. Lo spettacolo del 5 dicembre aprirà ufficialmente la tournée "Prima che io smetta" che lo porterà nei maggiori teatri d’Italia per tutto il 2014.
Fonte: Flavia Cruciani


14 novembre 2013

Gazebo - L'augurio di Edoardo Vianello

http://www.youtube.com/v/2Tm2ciTrJEs?autohide=1&version=3&attribution_tag=4hA8oOipQIx4N2SaIAIrYw&feature=share&autoplay=1&autohide=1&showinfo=1

27 giugno 2013

L’arte pop di Edoardo Vianello

Settantacinque anni, è un traguardo che va festeggiato. Soprattutto se in questi anni si è stati capaci di scrivere canzoni che fanno parte della nostra cultura popolare, della nostra storia. Canzoni che a qualcuno possono sembrare “leggere”, inutili, vacue, ma che sono invece dei piccoli gioielli di arte pop, perfetti marchingegni artigianali che funzionano magnificamente anche a distanza di decine e decine di anni. Edoardo Vianello compie oggi settantacinque anni e a lui vanno i nostri più sentiti auguri: perché ha scritto canzoni memorabili, che qualcuno liquida erroneamente come “tormentoni” estivi e che invece hanno meritatamente resistito al tempo, alla noia, si sono stampate nella memoria collettiva e ancora oggi divertono, si lasciano cantare con piacere. Arte pop, non musica leggera.

Ernesto Assante

La Reppublica.it
24 giugno 2013

8 aprile 2013

Ciao Califfo !

La musica è finita, gli amici se ne vanno…
Se n’è andato un artista, un poeta senza perimetri, senza confini. Un uomo senza padroni, capace di camminare sulle scene faccia a faccia con se stesso. Senza tappeti, senza cipria.
Un poeta di solitudini, di amori rubati, di gente di periferia, di malinconia, una malinconia struggente che mi prende nel corpo e nell’anima.
Ora quelli che non hanno memoria ti riscopriranno, riscopriranno quelle tue canzoni che erano colpi al cuore, quei tuoi ritratti di vita che erano lacrime e poesia.
Riscopriranno la “maledetta noia” di uno chansonnier di borgata che era, invece, un poeta, un poeta vero.
Poesie scritte a muso duro. Tracce, impronte sulle righe del sentimento.
Raccontavi Roma, raccontavi la vita.

Abbiamo perso un amico, un amico sincero con il quale personalmente ho condiviso il mio viaggio d’amore con la musica.
Sono qui a leggere e rileggere le tue parole. Le porterò nelle tasche del mio cuore, tra la musica e le preghiere, e le bagnerò con il vino dell’amicizia.
E se senti una voce venir da lontano, da molto lontano, son io che ti chiamo.

A proposito Califfo volevo dirti che il 21 aprile, ricorrenza del Natale di Roma, Il Comune ti dedicherà una grande serata, in una piazza del centro storico, e verranno tutti i tuoi amici a leggere e a cantare le tue poesie.
Mi raccomando Franco, Non mancare!

1 gennaio 2013

LE 5000 FONTANE DI ROMA


Oggi a Roma ci sono oltre 5000 fontane ornamentali e monumentali, dislocate in piazze, strade, cortili, androni, parchi ed edifici pubblici, ville private e le fontanelle pubbliche, che sono circa 2500, volute dall’allora sindaco. Da quando Roma, nel 1870, venne proclamata capitale d’Italia, i cosiddetti “nasoni”, che ancora oggi continuano ad essere installati nei nuovi quartieri della periferia, permettono ai cittadini ed in modo particolare ai turisti che visitano numerosi la città di poter bere ovunque gratis acqua pura fresca e buona.

Edoardo Vianello, cantante ed autore di musica popolare, amante della sua città e delle sue bellezze, si è appassionato alla ricerca di tutte queste fontane, alcune delle quali nascoste e quasi irraggiungibili, per poterle fotografare personalmente e creare una collezione unica, che nessun altro studioso può vantare.

In questa collana Vianello mette a disposizione il suo patrimonio fotografico e di ricerca con la pubblicazione di una serie di volumi digitali, raggruppando le fontane per rioni e quartieri e creando degli itinerari che permettano a coloro i quali condividono questa stessa passione per poter andare a vederle di persona.

Edoardo Vianello

"Questa pubblicazione digitale vuole mostrare in tutta la sua completezza la testimonianza fotografica delle oltre 5000 fontane che “arredano” il tessuto urbanistico della città.
Riuscire a censire prima e fotografare successivamente tutte le fontane di Roma è stato un lavoro arduo che è durato più di dieci anni, ma che io mi sono ostinato a fare, pur continuando la mia attività artistica a tempo pieno, per soddisfare un desiderio che sognavo di realizzare già da ragazzo e per rendere omaggio alla mia città.
Oltre alla documentazione fotografica di ogni fontana piccola e grande è stato molto importante per me riuscire ad attribuire ad ognuna di esse il rione o il quartiere di appartenenza, consapevole di poter facilitare agli interessati la loro ricerca. Vorrei aggiungere che non sono un fotografo professionista e le fontane li vedrete come li ho viste io, cioè senza fronzoli e senza “photoshop”.
Le fontane nei volumi sono state raggruppate in quattro capitoli:
Primo capitolo - “Le fontane in strada”
quelle ubicate in spazi aperti a tutti, come piazze, vie e vicoli;
Secondo capitolo - “Le fontane nei cortili”
sono le fontane che si trovano nei cortili dei palazzi, negli androni e nelle ville private;
Terzo capitolo - “Le fontane nei parchi”
quelle situate nelle ville e nei parchi pubblici della città;
Quarto capitolo - “Nasoni e fontanelle”
che comprendono tutte le piccole fontane, così dette di pubblica utilità, come i nasoni, i travertini e quelle di altre forme, sparse per tutta la città. 
All’interno di ogni capitolo le fontane sono elencate in ordine alfabetico secondo il nome della strada in cui si trovano.
Ogni volume contiene le fontane di un singolo rione, mentre quelle che si trovano nei quartieri, meno numerose, sono contenute in volumi che comprendono più di un quartiere.
Questo è il primo volume, RIONE MONTI."

24 luglio 2012

Oltre il sensibile - raccolta di poesie di Alberto Vianello


OLTRE IL SENSIBILE

 di Alberto Vianello 

Questo libro è disponibile per il download su iPad con iBooks 2 o sul computer con iTunes. Per leggere il libro, devi usare un iPad con iBooks 2.

OLTRE IL SENSIBILE


Descrizione

Ho letto le poesie di Alberto Vianello.Ho letto, ho volato, ho trovato porti e son ripartito.Forse non so bene cos'è il Futurismo. Se è un volo, geniale e guerriero, azzurro e lontano, folle e romantico, è anche il mio volo.Se è la musica delle quattro stagioni, se è "muscolo” di vento e rabbia dell'anima, se è libertà indomabile, io so che è il mio volo.Alberto Vianello è oggi ma anche molto domani.

Roberto Gianani

Il poeta Alberto Vianello, nato a Venezia il 29 settembre 1902, appartiene all’avanguardia degli anni venti del secolo scorso e precisamente al movimento futurista della seconda ondata.La sua produzione lirica si ritiene tuttora valida e in ogni modo rispondente alle ambizioni del movimento letterario futurista, che lo annoverò fra i promettenti continuatori di quel corso poetico alla fonte del quale ebbero a sostare scrittori e filosofi che appartengono alla storia della letteratura italiana, come Aldo Palazzeschi, Luciano Folgore, Giovanni Papini, Corrado Govoni, Ardengo Soffici e tanti altri.
La sua prima lirica “Bicchiere d’acqua” costituì per molto tempo il suo cavallo di battaglia e apparve nella “Antologia dei nuovi poeti futuristi“ edita, a cura di F. T. Marinetti, nel 1925.
Il poeta futurista Alberto Vianello non è riuscito in vita a pubblicare una raccolta completa delle sue poesie, che, fino a qualche tempo fa, sembravano ormai disperse. Deluso dalla scarsa considerazione riservatagli da alcuni critici letterari e dai cambiamenti della società italiana, il poeta abbandonò la sua attività letteraria.
E’ solo grazie alla tenacia dei figli Tunni, Leonardo ed, in particolare Edoardo Vianello, il cantante più “futurista” del firmamento musicale italiano, che, con grande dedizione ed infinito amore, hanno intrapreso un’accurata ricerca dell’opera di loro padre. Oggi è possibile la pubblicazione, per la prima volta,  della più completa rassegna delle sue poesie “Oltre il sensibile”, composta da ben 38 liriche. Ogni lirica è corredata da un quadro di Tunni.
La ricerca ha coinvolto i discendenti dei suoi migliori amici e i suoi parenti veneziani, che fortunatamente ne conservavano alcune, ed è stata man mano completata attraverso il ritrovamento di piccoli appunti, quasi indecifrabili per la piccolissima grafia che era solito usare, nascosti fra i suoi documenti. Ma anche dalle pagine di vecchi libri rimasti ad Edoardo sono riemersi i suoi versi, e da alcuni manoscritti conservati presso la Biblioteca del Club Alpino Italiano di Roma, che porta il suo nome.
Con questa pubblicazione vogliamo rendere onore ad uno dei più grandi poeti futuristi, ingiustamente ignorato dalla “Kultura” italiana del dopoguerra e dai suoi pregiudizi.

Tre nuovi titoli su iTunes Book Store

1. Ciao amore ciao 

    di Pietro Gargano

Questo libro è disponibile per il download su iPad con iBooks 2 o sul computer con iTunes. Per leggere il libro, devi usare un iPad con iBooks 2.

Ciao amore ciao

Descrizione

Cosa c'è dietro le canzoni che abbiamo più amato? Da cosa nasce un motivo che diventa colonna sonora delle nostre vite? Nasce quasi sempre da una passione vera, da amori raggiunti o da amori perduti. Il sipario di questo libro apre inaspettati eccezionali retroscena di mitiche canzoni e degli amori che le hanno generate: da Frank Sinatra e Ava Gardner, da Edith Piaf e Marcel Cerdan da Luigi Tenco e Dalida.

Il libro: Spesso una canzone cela una storia, a lieto fine o più spesso delusa. Dietro ci sono le persone con le loro vite; ci sono fenomeni di costume che interpretano lo spirito di una generazione o le più intime inquietudini. C'è la passione di Frank Sinatra per Ava Gardner, nata cantando "Sono un pazzo a volerti". E la Bambola araba di Fred Buscaglione; le trasgressioni tra sesso e rock delle J27: Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison, Brian Jones, scomparsi a 27 anni. La tragedia di Luigi Tenco, Ciao amore ciao, Dalida; la Malefemmina di Totò ch'era la moglie stanca delle sue infedeltà; l'amore di Gino Paoli e Ornella Vanoni che doveva essere Senza fine e invece finì, così come la Felicità di Albano e Romina Power. Altre canzoni, altre storie invece ressero, come quelle di Teddy Reno e Rita Pavone, di Adriano Celentano e Claudia Mori, La coppia più bella del mondo, di Fabrizio De Andrè e Dory Ghezzi, uniti anche da rapiti nell'Hotel Supramonte. E c'è un ragazzo di trent'anni, Alessandro Bono, che a Sanremo canta "Oppure no". Una canzone bellissima ma nessuno se ne accorge e i critici lo condannano per sempre. Tre mesi più tardi quel ragazzo muore di AIDS: la canzone cantata era stata un congedo o una preghiera. La musica diventa così pretesto per raccontare vite, speranze, disillusioni e sogni, sullo sfondo della storia.

2. Buona fortuna
di Carlo Nicotera

Buona fortuna

Descrizione

Una strenna che metta insieme il «corno», simbolo universale della fortuna, della scaramanzia, della misteriosa magia del destino. E un puzzle di storie che dimostrino tra casualità e fede, combinazioni alchemiche e stellari, vicende minime o massime, private o pubbliche che la Fortuna non è bendata, ma sa esattamente dove donare la cornucopia dei suoi benefici, imporre lo staffile del suo abbandono, offrire la dolcezza delle sue lusinghe.
Il libro: Mini racconti, piccoli flash, personaggi veri o immaginari, oggetti, animali e stelle, polveri e lame... Nella vita di ognuno di noi passa all'improvviso qualcosa che - subito o dopo anni - ti fa pensare che quello era un segno della fortuna o della sfortuna, del destino o del Fato. O semplicemente una piega del tempo (di quale dimensione cosmica? di quale delle nostre vite reali o apparenti?) che ha cambiato il corso della nostra esistenza o quella dei nostri cari, dei nostri amici, delle persone conosciute per davvero o solo per interposta letteratura. Storie comuni che, proprio per questo, hanno la loro assoluta specialità, perché irripetibili per i protagonisti, irriproducibili per gli osservatori.
Racconti veloci, lievi, leggeri. A volte ironici, a volte un po velati della malinconia del tempo. A volte struggenti. Perché, come la vita insegna a capire, da qualche parte, in qualche sentiero indecifrabile, in un oggetto non considerato, in un gesto involontario, esiste la prova che «tutto è scritto», al netto e a prescindere dalla certezza che siamo gli artefici della nostra esistenza. Una lettura veloce. Ma anche una lettura che potrà essere fatta e rifatta, perché in ogni riga ci può essere qualcosa della vita di ognuno di noi. Ma anche di qualcosa che nella nostra vita non è ancora accaduto, o accade dopo aver letto, o non abbiamo ancora vissuto semplicemente perché non avevamo ancora capito... O letto.


3. Una milanese a Capri

di Mimmo Carratelli

Una milanese a Capri
Descrizione
L’estate e la passione: la fiamma è accesa da un giovane barcaiolo nel cuore di una manager milanese che nell’insolita liason riscopre l’incanto delle cose semplici e assolute. Un amore romantico e spregiudicato che la fine dell’estate si porterà via.
Il libro: Capri complice di amori e di passioni, alcune senza ritorno, altre che bruciano nell’incandescenza di un’estate. Come quella di Giulia Lombardi, protagonista del romanzo ispirato ad una storia vera.
É lei stessa a narrare l’avventura di fuoco sulle pagine del suo diario. Giulia ha cinquant’anni: fascino e bellezza non l’hanno mai abbandonata. Manager in carriera vive la sua vita nel vortice del successo milanese e negli azioni del prestigio della professione. Tanti amanti, tante occasioni, ma la vita quella vera, è vuota.
Un vuoto esistenziale che la porta sulle sponde di Anacapri dove vuol trascorrere l’estate sola, lontana dal suo mondo. Il mare la seduce e ben presto anche la semplicità di un sedicente isolano. Peppino, visto sdraiato, un giorno, sullo Scoglio delle Sirene. Una visione, una folgorazione. Nutrito dai racconti dei play-boy stoici di Capri, Peppino intravede in Giulia la sua prima conquista. Ma è lei a condurre il gioco, molto attenta alla maturazione sessuale del ragazzo, fino all’amplesso sul fondo di una barca nella Grotta Azzurra. I due amanti sembrano credere a quel sogno. Ma l’estate finisce e li separerà. Giulia parte all’improvviso, rinuncia alla parte di sè tenera e selvaggia, e a Capri non tornerà mai più. Il giovane cerca conforto all’abbandono tra le braccia del padre, che da giovane era stato uno sciupafemmine romantico e spavaldo. La conquista amorosa, se pur persa, riporta il padre alla lontana giovinezza riempendolo d’orgoglio. La sconfitta di Peppino apre dunque un’altra complicità: tra i due, padre e figlio, nasce un’alleanza nuova e inossidabile.

1 giugno 2012

IL SUONO DELLE FONTANE DI ROMA di Edoardo Vianello

Questo libro è disponibile per il download su iPad con iBooks 2 o sul computer con iTunes. Per leggere il libro, devi usare un iPad con iBooks 2.
                                                
                                                       "IL SUONO DELLE FONTANE DI ROMA"
  
di Edoardo Vianello e Elfrida Ismolli

Le fontane di Roma
Come non le avete mai viste…

Le 2.500 fontane di Roma, sparse nelle strade, nelle piazze, nei parchi, nei cortili, costituiscono l’anima di questo progetto.
Si tratta di un’opera audiovisiva che rende il linguaggio musicale una tecnica interpretativa del valore culturale e della forza di suggestione di questi elementi di arredo urbano, ricchi di bellezza, e spesso di storia, non di rado vere opere d’arte, da sempre fonti di ispirazione artistica.
Il presente è il primo di una serie di eBook, che attraverso riprese dinamiche e statiche delle fontane e degli acquedotti, commentate esclusivamente da composizioni musicali di alcuni fra i più noti musicisti italiani, trasmettono allo spettatore le sensazioni che le fontane hanno suscitato negli artisti impegnati nel progetto.
L’opera si fonda sul linguaggio musicale: non ci sono commenti, né notizie tecniche o storiche sulle fontane;
solo la musica suggella le immagini, arricchita dalle sonorità dell’acqua di ogni fontana, che prende vita mostrandosi con la sua voce autentica.

Le fontane di Roma
E come non le avete mai sentite…

L’opera è una celebrazione artistica della città di Roma, riflessa nelle sue fontane, che ne raccontano i secoli di vita, il cui retaggio viene raccolto, trasmesso e rinnovato da musicisti contemporanei.
Le fontane e i compositori che hanno partecipato con le loro liriche alla realizzazione dell’opera sono :

Luca Barbarossa - Fontana dei Tritoni
Stefano Cenci - Fontana della Barcaccia
Stelvio Cipriani - Fontana delle Najadi
Roberto De Luca - Fontane di G. Della Porta
Franco Micalizzi - Fontana Santa Maria in Trastevere
Amedeo Minghi - Fontana di Trevi
Nicola Tancredi - Fontanelle Rionali di Lombardi
G.Paolo Fontana - Fontana delle Rane
Ennio Morricone - Mostra dell’Acqua Paola

Ennio Morricone - Fontana delle Tartarughehttp://itunes.apple.com/it/book/il-suono-delle-fontane-di-roma/id529611784?mt=11

12 marzo 2012

Tolleranza Zoro 81a puntata: "Gente de Tremarella" di Diego Bianchi e Edoardo Vianello



Di Festival di Sanremo, di tecnici e di Adriano Celentano, di chiese e di partiti, di Gesù e di Marx, di Vangelo e Manifesto, di Morandi, di Canlis e di Ipazia, di primarie e di guerre finte, di Pupo, di alti, di bassi, di vatussi e di gente de borgata. Sempre e comunque con la tremarella addosso. Questo e molto altro nella ottantunesima puntata di Tolleranza Zoro in una versione di circa tre minuti e mezzo più lunga rispetto a quanto andato in onda su La7 nella quinta puntata di The Show Must Go Off. Un grazie particolare ad Edoardo Vianello per la straordinaria partecipazione.
Buona visione.

7 dicembre 2011

"La tassa dell'amor" di Edoardo Vianello.


Non c'era momento migliore per pubblicare questa mia nuova canzone. S'intitola "La tassa dell'amor" . Il testo è del mio nipote, conduttore di Agorà, Andrea Vianello. Ascoltate l'anteprima e poi ne parliamo.


itunes.apple.com
Ascolta in anteprima brani dall'album Birikina & friends,la nuovissima compilation con 20 artisti che hanno scritto queste canzoni SOLO per Radio Birikina Little Tony, Bobby Solo, Edoardo Vianello, Don Backy e molti altri... Ascolta in anteprima, acquista e scarica Birikina & friends a soli 9,99 €. ...

4 dicembre 2011

Edoardo Vianello adesso anche su Twitter !

Segiutemi su Twitter :

Edoardo Vianello

@EdoardoVianello
Abbronzatissimo come un Peperone, nemmeno un Capello ma crini di cavallo. Romano e romanista. Pinne ai piedi, gambe ad angolo, preparatevi a scendere in pista.





Ecco un anteprima :


Edoardo Vianello
Oggi giornata di sport. Si, anche guardare la partita dal divano è un bel impegno sportivo. Forza .
Edoardo Vianello
Prendi l'arte e mettila da parte! Buonanotte.
Edoardo Vianello
Arrivederci alla prossima mostra.


»
Edoardo Vianello
Impressionante! MAXXi